Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

Soci Sostenitori

Scopri le principali aziende operanti nel Controllo della Contaminazione Ambientale che supportano le attività di ASCCA...

Leggi tutto...

ASCCA News

La rivista che offre al lettore articoli tecnici, case history e rubriche tecnico-commerciali sui fenomeni della contaminazione ambientale...

Leggi tutto...

Seminari ON AIR

Scoprite l'elenco dei seminari on-air proposti per il 2021 da ASCCA, una nuova iniziativa per continuare la propria attività divulgativa.

Leggi tutto...

Formazione professionale

Scopri i corsi di formazione per operatori in clean room organizzati dal Politecnico di Milano con il patrocinio di ASCCA...

Leggi tutto...



SPECIALE COVID-19 - ARCHIVIO ASCCA NEWS

Indice articoli

ARCHIVIO ASCCA NEWS 

L'analisi del rischio nella definizione degli impianti VCCC per i reparti operatori
L. Sabatini (Lesatec Srl)
Le camere operatorie sono da considerare ambienti a contaminazione controllata, come dimostra la norma UNI 11425 che ha in pratica equiparato i reparti operatori ad installazioni a contaminazione controllata, ovvero dotate di impianti VCCC (Ventilazione e Condizionamento a Contaminazione Controllata) e generalmente conformi alle norme della serie UNI ISO EN 14644. Questo ci porta ad affrontare il concetto di analisi del rischio, argomento di non facile dominio e spesso oggetto di interpretazioni a dir poco fantasiose a partire dalla stessa definizione di “rischio”, dai più confusa con il concetto intuitivo di “pericolo”. Nel seguito proveremo a dare dei semplici criteri, da essa dedotti, facendo largo uso del buon senso per aiutare quanti si trovino nella necessità di far realizzare o ristrutturare un reparto operatorio
 
La decontaminazione di HVAC ed estrattori - un obiettivo difficile ma raggiungibile
C. Mangano - E. Rossi (Techno One Srl)
La pulizia e la decontaminazione di ambienti e di impianti con clean room nel settore chimico e farmaceutico, microelettronico ed alimentare sono attività critiche di supporto alla produzione, avendo un impatto diretto sulla qualità del prodotto, sia per il rischio di cross contamination sia per quello della contaminazione in generale, e microbiologica in particolare.  Nell'articolo si parlerà di impianti di trattamento aria e della decontaminazione delle condotte aerauliche mettendone in luce tutte le fasi
 
Quando le superfici sono pulite?
P. Lazzeri (Particle Measuring System)
Il controllo della contaminazione è aspetto basilare nella gestione delle cleanroom di produzione farmaceutica. La scelta dei sanitizzanti più idonei e la definizione delle procedure per il trattamento delle aree in cui il farmaco è esposto devono derivare dall’approfondita conoscenza del processo ovvero da un’analisi del rischio. In questo complesso lavoro può aiutare un approccio mirato a valutare e comprendere quali obiettivi si vogliano raggiungere in ogni fase del processo di pulizia e sanitizzazione e come supportare gli operatori. Scopo del presente articolo è definire quando una superficie di cleanroom è PULITA e come gli operatori possono valutare la bontà del loro lavoro

 Per mandare materiale o richiedere informazioni sul materiale pubblicato: info@ascca.it