Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

Sede Corsi

La sede dei corsi

I corsi si svolgono nella nuova clean room sperimentale presso i Laboratori del Gruppo di Ricerca HVAC & Contamination Control del Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano diretto dal Prof. C.M. Joppolo

La clean room comprende una zona impiegata per le varie prove sperimentali a cui si aggiunge un modulo, adiacente ad essa, in funzione di bussola di isolamento utilizzabile anche per la vestizione del personale. La fase progettuale, di costruzione, validazione, conduzione, manutenzione, nonché la sicurezza, rispondono alle vigenti normative e linee guida inerenti gli impianti a contaminazione controllata: ISO 14644-1:8, UNI EN 1822, EU-GMP, FDA-GMP oltre che alle vigenti leggi e norme inerenti la sicurezza.

L’installazione prevede il funzionamento sia a circuito aperto che chiuso con una portata d’aria di progetto pari a 3600 m3/h con appositi e dedicati canali di immissione ed espulsione aria.

L’aria ètrattata mediante un’unità di trattamento appositamente progettata, composta di materiali idonei all’utilizzo in ambienti a contaminazione controllata (interamente in acciaio inox AISI 304) in cui sia richiesto un elevato grado di pulizia e sanificazione dei componenti facenti parte l’UTA.

Inoltre, è presente un soffitto mobile e modulare per la mandata dell’aria in clean room composto da 6 cassonetti filtranti contenenti filtri assoluti H14. La ripresa dell’aria dalla camera può essere effettuata utilizzando a seconda degli utilizzi necessari sia le 12 griglie di riprese a parete che il pavimento galleggiante forato in alluminio pressofuso.

Gli accessi ai locali della clean room sono garantiti mediante tre porte interbloccate tra di loro e gestite esternamente da una centralina elettronica ed un pannello di controllo interattivo touch-screen posto all’esterno della struttura. Gli accessi alle porte sono gestiti mediante sistema di controllo RDIF e l’utilizzo di sistemi di accesso/controllo normalmente utilizzati nelle clean room (accessi semaforici). Quattro grandi superfici vetrate permetteranno alla persone presenti all’esterno della clean room di poter osservare il personale in azione all’interno della clean room da tre angolature diverse. La camera bianca è inoltre dotata di un sistema di video registrazione interna composto da due telecamere a colori inserite in modo complanare all’interno delle pareti verticali della clean room. La struttura al suo interno è inoltre fornita di un sistema di comunicazione vocale verso l’esterno composto da un telefono complanare ed incassato in parete idoneo all’utilizzo in ambienti sterili.

I sistemi di misurazione e di controllo di grandezze quali la temperatura, l’ umidità relativa, la pressione e portata d’aria sono inseriti in vari punti del sistema e gestiti in modo centralizzato da un sistema di acquisizione dati e controllo del sistema.

Stampa Email